IMAGINE TOI

Martedì 20 agosto 2024, ore 21.15

Cortile di Palazzo da Schio

Julién Cotterau (Francia)
IMAGINE TOI - Immagina!

di e con Julien Cottereau
allestimento: Erwan Daouphars
collaborazione artistica: Fane Desrues
light designer: Idalio Guerriero
Sound manager: Ariski Lucas

Si sente cadere una goccia d’acqua, poi dei passi vicini... e tutto ha inizio! 

Tra rumori e fischi irrompe sulla scena un personaggio che appare un misto tra Buster Keaton e un Pinocchio cresciuto troppo velocemente. Gentile e naïf, con i suoi pantaloni troppo corti ed il buffo cappello, Julién inizia a spazzare il palcoscenico quando si scopre osservato dal pubblico. Non sono necessari allestimento scenico né effetti speciali e tantomeno oggetti di scena: se ha bisogno di qualcosa può inventarla! 

Julién Cottereau, con semplicità e grazia, dà vita ad un mondo di mostri e principesse, di tenerezza ed emozioni.

Uno spettacolo poetico e adatto per tutte le età che celebra la gioia e la meraviglia dell’essere bambini, Imagine-toi tira fuori il bambino che è in ognuno di noi! 

Intero: 14€ |  ridotto under 30 e over 65: 12€ | ridotto under 16: 5€

ZIGAN CAFÈ

Mercoledì 21 agosto 2024, ore 19.15
Palazzo Thiene, Vicenza

Michele Moi
ZIGAN CAFÈ

 

 

 

 

 

 

 

 

LA PIÙ STRANA DELLE MERAVIGLIE

Mercoledì 23 agosto 2023, ore 19.15
Cortile del Palazzo da Schio

Sillaba

LA PIÙ STRANA DELLE MERAVIGLIE

Scritto e diretto da Roberto Mercadini

 

“Ma questa è la più strana delle meraviglie!” dice Orazio ad Amleto, dopo aver visto il fantasma del re.
Roberto Mercadini ci racconta di Shakespeare, del suo tempo, dl suo teatro, dello stupore e dello sgomento che sente di fronte a questo titano, usando le stesse parole che lui fa pronunciare ai suoi stupefatti e sgomenti personaggi. Vale a dire, Shakespeare con le frasi che lui ha usato per parlare di tutti noi. Quelle frasi che sembrano già dire ogni cosa. E di fronte alle quali si pensa, a volte, “il resto è silenzio” (che, per
l’appunto, è un’altra frase di Shakespeare).

Intero: 14€ |  ridotto under 30 e over 65: 12€ | ridotto under 16: 5€

J MARITO - DJ SET IN VINILE

Giovedì 22 agosto 2024, ore 19.15
Palazzo Thiene, Vicenza

J MARITO - DJ SET IN VINILE

Federico Cornale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DOPODICHÈ STASERA MI BUTTO

Giovedì 22 agosto 2024, alle ore 21.15
Palazzo Thiene, Vicenza

Generazione Disagio
DOPODICHÈ STASERA MI BUTTO

di e con Enrico Pittaluga, Graziano Sirressi, Andrea Panigatti, Luca Mammoli
regista e co-autore Riccardo Pippa
co-autore Alessandro Bruni Ocana
consulenza scene e costumi Margherita Baldoni
luci Max Klein
disegni Duccio Mantellassi
produzione e organizzazione Proxima Res

Quattro personaggi conducono il pubblico a giocare una folle partita a uno strano e innovativo gioco dell'oca, che ha come obiettivo la casella finale del suicidio. Un conduttore coinvolge gli spettatori per fare avanzare tre pedine umane sul tabellone: un dottorando, un precario e uno stagista attraverseranno imprevisti, prove collettive e prove individuali con un ritmo comico serrato e pezzi di improvvisazione basati su input che vengono dal pubblico. Vincerà chi riesce ad accumulare più sfighe e perciò più “disagio”.

Uno spettacolo di cinica auto-analisi collettiva che non fa sconti a nessuno: irriverente, comico e profondo, che ci costringe a fare i conti con il mondo che abbiamo costruito e la vita che vorremmo.

Intero: 12€ |  ridotto under 30 e over 65: 10€ | ridotto under 16: 5€

LA MANDRAGOLA

Venerdì 23 agosto 2024, ore 19.15
Cortile del Palazzo da Schio

Stivalaccio Teatro
LA MANDRAGOLA

regia e canovaccio Michele Mori
con Elia Zanella , Elisabetta Raimondi, Francesco Lunardi, Pierdomenico Simone, Daniela Piccolo
assistente alla regia Benedetta Carrara
scenografia e attrezzeria Alvise Romanzini
maschere Stefano Perocco di Meduna
costumi Licia Lucchese
luci Matteo Pozzobon
coreografie acrobatiche Giulia Staccioli
arrangiamenti musicali Pierdomenico Simone
produzione StivalaccioTeatro

Non riuscire ad avere un figlio che possa portare avanti il nome della famiglia è diventato un'ossessione per il vecchio e avido Messer Nicia. Non si dà pace: è disposto a tutto pur di avere un erede. Ma non al punto di dover morire. Se però a sacrificarsi può essere qualcun altro, tutto cambia. Ha così inizio una beffa dal sapore boccaccesco, in cui chi si crede furbo sarà gabbato da chi lo è davvero.

"La Mandragola" è definita da molti la "commedia perfetta". In effetti, è la più famosa e imitata commedia del Rinascimento. Machiavelli ci regala un'opera unica, in cui lo stile alto dell'Umanesimo e quello basso del patrimonio popolare si mescolano alla perfezione. Un'operazione talmente riuscita da risultare, appunto, "perfetta", e da considerarsi di diritto un classico della nostra letteratura. Nonostante la materia leggera, Machiavelli cela nelle sue parole un'aspra denuncia nei confronti dell'ipocrisia della chiesa rinascimentale e mette in discussione i valori familiari, provocando nello spettatore un riso amaro che fa riflettere. La nostra messa in scena si rifà ai comici dell'arte, a quel teatro fatto con un piccolo praticabile e un fondale logoro, che lascia tanto spazio alla maestria degli attori. A loro quindi l'arduo compito di far rivivere la commedia, andando a frugare nei vecchi bauli pieni di maschere, dialetti, duelli, canti, musiche e pantomime. Un omaggio al testo di Machiavelli, o meglio, un "liberamente tratto da", attraverso quel grande gioco che è la Commedia dell'Arte.

Biglietto unico 7€

STRIGHE MALEDETTE!

Venerdì 23 agosto 2024, ore 21.15
Palazzo Thiene, Vicenza

Stivalaccio Teatro
STRIGHE MALEDETTE!

Con Sara Allevi, Anna De Franceschi, Eleonora Marchiori, Maria Luisa Zaltron
soggetto originale e regia Marco Zoppello
scenografia Andrea Belli
costumi Lauretta Salvagnin
maschere e carabattole Stefano Perocco di Meduna e Tullia Dalle Carbonare
disegno luci Matteo Pozzobon
assistente alla regia Francesca Boldrin

È il 1518, ad Edolo, in Valle Camonica, quando una tremenda siccità, unita ad un morbo che uccide uomini e animali, getta il paese nel caos più totale. I villani sono esausti, le strighe hanno colpito di nuovo! Stanche di fòter e balar con Belzebù nei prati del monte Tonale, sono ridiscese a valle per spargere le loro polveri mefitiche su uomini e greggi.
Quattro donne vengono ritenute colpevoli di tali delitti e, inseguite dal popolo inferocito, trovano rifugio nel palazzo del borgomastro.

Le quattro donne: una guaritrice, una prostituta, una nobildonna e una contadina, vengono a lungo interrogate dall’inquisitore, ma nessuna confessa. Eppure tra di loro si nasconde almeno una strega! Il popolo freme, la rabbia monta e ribolle tra la gente, la misura è colma. La folla grida i loro nomi: sono Finnicella da Roma, Maddalena Bradamonte, Angéle de la Barthe e Orsolina Toni “la rossa”. Entro domani mattina una delle quattro deve consegnarsi al braccio secolare, perché sia fatta giustizia. Una notte di tempo per decidere chi delle quattro dovrà sacrificarsi per le altre. Una notte di tempo per trovare un capro espiatorio. Una notte di tempo per decidere chi, tra le quattro sfortunate, dovrà venire arsa viva nella pubblica piazza.

Intero: 14€ |  ridotto under 30 e over 65: 12€ | ridotto under 16: 5€

OTELLO POP TRAGEDY

Sabato 24 agosto 2024, ore 19.15
Cortile del Palazzo da Schio

Teatro De Gli Incamminati
OELLO POP TRAGEDY

Regia di Mario Gonzalez
Con Carlo Decio

Produzione Teatro De Gli Incamminati & Campo Teatrale La Fabbrica

12 personaggi shakespeariani, uomini e donne, interpretati da un unico attore.

La direzione fresca e geniale del maestro Mario Gonzalez rende lo spettacolo fluido, godibile ed intenso, attraverso l’utilizzo delle tecniche di narrazione, del
lavoro sul personaggio e del mimo.

Si affrontano, con intelligenza e ironia, tematiche quali il razzismo, la sopraffazione umana, la cieca gelosia, la violenza di genere e l’inganno.

Biglietto unico: 7€

BUFFONI ALL'INFERNO

Sabato 24 agosto 2024, ore 21.15
Palazzo Thiene, Vicenza

StivalaccioTeatro
BUFFONI ALL'INFERNO

con Matteo Cremon, Michele Mori, Stefano Rota
soggetto originale e regia Marco Zoppello
scenografia Matteo Pozzobon e Roberto Maria Macchi
maschere e carabattole Stefano Perocco e Tullia Dalle Carbonare
costumi Lauretta Salvagnin
disegno luci Matteo Pozzobon
musiche originali Ilaria Fantin
assistente alla regia Alvise Romanzini

 

Profondità delle lande desolate dell’inferno. Un tranquillo ed eterno giorno di torture strazianti. D’un tratto si leva un latrare sguaiato, sono i diavoli di malebranche che corrono da una parte all’altra alla ricerca del loro Re: il terribile Satana. Sulle rive dello Stige sono giunte millemila anime, così, d’un tratto, portate all’altro mondo da una fulminante peste bubbonica, vaiolica, assassina e vigliacca. L’Ade è di colpo intasato e Minosse, impietoso giudice delle anime, è costretto a fare i salti immortali per esaminare le colpe di tutti. Le operazionivanno a rilento, gli spiriti protestano, insorgono, volano insulti e qualche brutta bestemmia. Belzebù, con profonda saggezza, offre uno sconto di pena alle anime di tre buffoni, Zuan Polo, Domenico Tagliacalze e Pietro Gonnella per tornare a fare ciò che in vita gli riusciva meglio: intrattenere. Lo spettacolo ripesca dall’antica arte del buffone, l’intrattenitore per antonomasia, il più devoto cultore dello sghignazzo.

Intero: 14€ |  ridotto under 30 e over 65: 12€ | ridotto under 16: 5€

DJ SET FRANKY E GALLUCCI

Sabato 24 agosto 2024, ore 23.00
Palazzo Thiene, Vicenza

Franky Suleman e Tony Gallucci

DJ SET

 

 

 

L'ARTE DEL BUFFONE

Domenica 25 agosto 2024, ore 19.15
Palazzo Thiene, Vicenza

Stivalaccio Teatro
L'ARTE DEL BUFFONE
Parata itinerante

con i/le partecipanti al laboratorio L'arte del Buffone
diretti da Michele Mori e Marco Zoppello

Alle radici del teatro rinascimentale e della Commedia dell’Arte troviamo alcune figure ibride di performers, solisti dell’arte attoriale impiegati nel ruolo di intrattenitori di piazza e di palazzo. Il loro repertorio era vasto e articolato: ballavano, si travestivano da donne, recitavano e cantavano in falsetto, imitavano suoni, rumori, voci di animali, uomini, donne, bambini, stranieri, a ciò affiancavano una gestualità oscena, salti e acrobazie. Ogni partecipante costruirà il proprio oratore, a partire dalle capacità individuali di ciascuno, attitudini al movimento, al canto, alla danza, ai dialetti, al suono di uno strumento. Nel teatro popolare ognuno sfrutta al meglio le proprie qualità, sviscerandole, esplorandole ed esaltandole per farle poi vivere nella scena. Partendo dalla lezione del Maestro Dario Fo, proveremo a perseguire l’idea di un teatro popolare stratificato, sacro e profano, universale e proprio per questo capace di parlare a tutti.

ATTACCHI DI SWING

Sabato 24 agosto 2024, ore 19.15
Cortile Palazzo da Schio

Teatro Necessario Circo

ATTACCHI DI SWING

con Alessandro Mori e Corrado Caruana

 

Musica e comicità sono gli ingredienti di questo spettacolo per far ridere, per “approfondire” la storia della musica, per far conoscere musiche che giravano il mondo su una carrozza,
per fare un festa manouche e swing con il duo formato da Alessandro Mori, clarinettista votato alla comicità, e Corrado Caruana, virtuoso chitarrista che scala la tastiera con il
sanguigno spirito gypsy jazz.

Un salotto anni ‘30, atmosfera soffusa, la gran soirée sta per cominciare. In scena il virtuosismo della chitarra manouche di Corrado Caruana (Django's Fingers) e l’eclettismo di Alessandro Mori (Teatro Necessario) al clarinetto. Un duo swing `jazzigano ́ saltellante e spumeggiante, che assorbe gli elementi ritmico-armonici jazz e del Valse francese, arricchito da improbabili strumenti a sorpresa ed una loop station che sintetizza ed amplifica il divertimento. Il ritmo incalza durante il viaggio musicale, fatto di ottima musica, brindisi, aneddoti sorprendenti... Un continuo crescendo di humor e eventi surreali, che esplode in una miriade di strumenti musicali. Un duo irrefrenabile per due ore di puro divertimento, virtuosismo musicale e comicità.

Biglietto unico: 7€

CONCERTO OMA

Domenica 25 agosto 2023, ore 21.15
Palazzo Thiene, Vicenza

Orchestra Multietnica Arezzo
CONCERTO OMA

 

 

 

 

Trenta musicisti provenienti da Albania, Palestina, Libano, Nigeria, Costa d’Avorio, Argentina, Colombia, Bangladesh, Giappone, Romania, Russia, Svizzera e dalle più svariate regioni italiane e propone un repertorio che spazia dalla tradizione araba a quella ebraica, dal Mediterraneo all’est Europa, dal Bangladesh al Sudamerica, offrendo al pubblico una vera e propria festa di suoni  e di colori.

Intero: 14€ |  ridotto under 30 e over 65: 12€ | ridotto under 16: 5€

 

SWINGIN' VIOLINS

Martedì 27 agosto 2024, ore 19.15
Palazzo Thiene, Vicenza

F. Zaltron & M. Pellegrini Duo
SWINGIN' VIOLINS

con Federico Zaltron e Martino Pellegrini

 

Federico Zaltron e Martino Pellegrini, due dei principali violinisti jazz italiani, si incontrano in concerto per condividere la loro profonda passione per lo swing degli anni `30. Una danza tra due violini, senza l`ausilio di altri strumenti, in cui i due artisti si alternano costantemente nei ruoli di solista e accompagnatore.

SER O NO SER

Martedì 27 agosto 2024, ore 21.15
Palazzo Thiene, Vicenza

Compagnia El Gato Nero
SER O NO SER

scritto e diretto da Luca Franceschi
con Alberto Castrillo-Ferrer

 

 

 

 

"Ser o no ser" è uno spettacolo che si immerge nel mistero del teatro, della dualità attore-personaggio, ma soprattutto esplora la ricerca e l'accettazione di se stessi come si è, non come la società e le mode vogliono che si sia. Pieno di umorismo, a volte innocente e a volte più caustico, questo spettacolo è un grido di creazione sincera e personale, di esistenza, di amicizia e di rispetto per gli altri e per se stessi.

Intero: 14€ |  ridotto under 30 e over 65: 12€ | ridotto under 16: 5€

ZIGAN CAFÈ

Mercoledì 28 agosto 2024, ore 19.15
Palazzo Thiene, Vicenza

Michele Moi
ZIGAN CAFÈ

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LETIZIA VA ALLA GUERRA

Mercoledì 28 agosto 2024, ore 21.15
Palazzo Thiene, Vicenza

Teatro de gli Incamminati
LETIZIA VA ALLA GUERRA

con Agnese Fallongo e Tiziano Caputo
drammaturgia Agnese Fallongo
musica dal vivo Tiziano Caputo
coordinamento creativo Raffaele Latagliata
ideazione e regia Adriano Evangelisti
prodotto dal Centro di Produzione Teatro de Gli
Incamminati
in collaborazione con ARS Creazione e Spettacolo

 

 

 

Tre grandi donne, due guerre mondiali, un sottile fil rouge ad unirle: uno stesso nome, un unico destino.
Letizia va alla guerra è un racconto tragicomico, di tenerezza e verità. Tre donne del popolo, irrimediabilmente travolte dalla guerra nel loro quotidiano, che si ritroveranno a sconvolgere le proprie vite e a compiere, in nome dell’amore, piccoli grandi atti di coraggio. La prima Letizia è una giovane sposa, partita dalla Sicilia per il fronte carnico durante la Prima Guerra Mondiale, nella speranza di ritrovare
suo marito Michele. La seconda Letizia, invece, è un’orfanella cresciuta a Littoria (Latina) dalle suore e riconosciuta dalla zia solo dopo aver raggiunto la maggiore età. Giungerà a Roma in concomitanza con l’entrata in guerra dell’Italia nel secondo conflitto mondiale. Infine Suor Letizia, un’anziana sorella dalle origini venete e dai modi bruschi che, presi i voti in tarda età, si rivelerà essere il sorprendente trait
d’union dei destini di queste donne tanto lontane quanto unite.

Intero: 12€ |  ridotto under 30 e over 65: 10€ | ridotto under 16: 5€

FULL METAL GINGER

Giovedì 29 agosto 2024, ore 19.15
Palazzo Thiene, Vicenza

Stivalaccio Teatro
FULL METAL GINGER

di e con Anna De Franceschi
musiche originali, fx e drammaturgia sonora Michele Moi
regia Susi Danesin

produzione Stivalaccio Teatro in coproduzione con Roerso Mondo Ass. Cult. / Silent Sardinia Festival 2021 con il contributo di Fondazione Sardegna

La performance racconta la giornata tipica di una persona atipica: Ginger, una clownessa a tempo pieno che ogni giorno si adatta alla vita nel mondo moderno. Ginger vivrà i diversi momenti della quotidianità e le battaglie per la conquista di un posto nel mondo. Vittima dei ritmi imposti dalla società moderna, la nostra eroina affronterà con il suo stile dissacrante e naif le situazioni che troppo spesso accettiamo senza rifletterci troppo. La performance, della durata di circa 25 minuti, utilizza tecniche di clownerie, mimo e slapstick. Le molteplici situazioni e le ambientazioni verranno evocate solamente dall’estro attoriale e sostenute da una puntuale drammaturgia sonora che il pubblico sentirà attraverso delle cuffie wifi. L’ambiente sonoro diventa così lo strumento predominante per rendere questo spettacolo un’esperienza immersiva e totalizzante, proiettando lo spettatore all’interno della storia. Lo spettacolo gioca su vari livelli di lettura, in modo da essere adatto a tutta la famiglia e strizza l’occhio a mostri sacri della commedia visuale come Chaplin o Lewis. Riuscirà la nostra Ginger a sopravvivere al logorio della vita moderna? Lo scopriremo solo ridendo, di lei, ma anche un po’ di noi.

RADIO CLANDESTINA

Giovedì 29 agosto 2024, ore 21.15
Palazzo Thiene, Vicenza

Fabbrica SRL
RADIO CLANDESTINA

Roma, le Fosse Ardeatine, la Memoria
uno spettacolo di Ascanio Celestini
a partire dal testo di Alessandro Portelli “L’Ordine è già stato eseguito”

 

Una donna si avvicina e chiede a qualcuno di leggerle i cartelli sui quali è scritto fittasi e vendesi. La donna è analfabeta. Qualcuno le risponde che “al giorno d’oggi voi siete una rarità, ma durante la guerra c’era tanta gente che non sapeva leggere. E tanti andavano al cinema Iris di Porta Pia da mio nonno Giulio per farsi leggere i proclami dei tedeschi sui giornali ”. Il 25 marzo del ’44 se ne fanno leggere uno che annuncia la morte di 320 persone: è l’eccidio delle Fosse Ardeatine. “Questa dell’Ardeatine è una storia che uno potrebbe raccontarla in un minuto o in una settimana”. È una storia che comincia alla fine dell’ottocento, quando Roma diventa capitale e continua negli anni in cui si costruiscono le borgate, continua con la guerra in Africa e in Spagna, con le leggi razziste del ’38, con la seconda guerra, fino al bombardamento di San Lorenzo, fino all’8 settembre. È la storia dell’occupazione che non finisce con la liberazione di Roma. È la storia degli uomini sepolti da tonnellate di terra in una cava sull’Ardeatina e delle donne che li vanno a cercare, delle mogli che lavorano negli anni ’50 e dei figli e dei nipoti che quella storia ancora la raccontano.

Intero: 14€ |  ridotto under 30 e over 65: 12€ | ridotto under 16: 5€

AMORE E PSICHE

Venerdì 30 agosto 2024, ore 19.15
Cortile del Palazzo da Schio

Compagnia Burambò
AMORE E PSICHE

spettacolo di narrazione
di e con Daria Paoletta

 

 

La novella di 'Amore e Psiche' composta nelle sue Metamorfosi da Apuleio nel II sec. d.C., racconta di un amore travagliato e ostacolato dalla diversità dei due amati: Amore è un Dio mentre Psiche è una mortale, ma bella come una Dea. Una saga di personaggi che dividono l'Olimpo dalla Terra, le divinità dai mortali, per scoprire che non c'è poi tanta differenza. Daria riscrive il mito di Amore e Psiche, adattando la narrazione al mestiere dell'attore. Una scena nuda che prende vita attraverso la forza del linguaggio vocale e corporeo, tali da creare ambientazioni e condividere suggestioni per condurre il pubblico in un mondo immaginifico e, attraverso l'arte teatrale, ritrovare se stessi.

Biglietto unico: 7€

ANDROMACA

Venerdì 30 agosto 2024, ore 21.15
Palazzo Thiene, Vicenza

I Sacchi di Sabbia - Compagnia Lombardi-Tiezzi
ANDROMACA

da Euripide

uno spettacolo de I Sacchi di Sabbia e Massimiliano Civica
con Gabriele Carli, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri, Enzo Iliano
produzione Compagnia Lombardi-Tiezzi in co-produzione con I Sacchi di Sabbia

con il sostegno di Mic, Regione Toscana

 

 

 

Approfittando dell’assenza da casa di Neottolemo, in viaggio al tempio di Apollo, tra i membri della sua famiglia si accende una lite furibonda: la giovane moglie Ermione è gelosa della schiava Andromaca, con cui Neottolemo ha generato un figlio, e vuole ad ogni costo uccidere lei e il bambino. Il padre Menelao, giunto espressamente da Sparta, è deciso ad aiutare la figlia nel suo progetto di vendetta, così come Peleo -padre di Achille e nonno di Neottolemo - è deciso a fermarla. Andromaca trova rifugio presso l’altare di Tetide, e lì, aggrappata alla statua della Dea, prende tempo in attesa del ritorno dell’amante. Neottolemo – il grande assente - è centro e causa dei vari scontri che animeranno la vicenda: ogni personaggio fa scelte decisive per la propria vita, convinto che al suo ritorno il signore farà giustizia. Ma, alla fine un messaggero racconta un fatto orribile: Neottolemo è morto subito dopo essere partito, prima ancora che ogni disputa e discussione avesse inizio. Andromaca è un testo in cui le speranze si alternano alle tragiche disillusioni, in una danza meccanica, così macabra e spietata da sembrare comica.

Intero: 12€ |  ridotto under 30 e over 65: 10€ | ridotto under 16: 5€

 

URGE

Sabato 31 agosto 2024, ore 21.15
Palazzo Thiene, Vicenza

Guascone Teatro

URGE

Di Andrea Kaemmerle
Con Francesco Bottai (voce e chitarra) e Andrea Kaemmerle

 

Verba volant, scripta manent è una maledizione, un insulto, è il permesso tacito di tradire quanto non immortalato dalla scrittura. Pericolosa epoca quella dove dare la propria parola rimanda al far west di Sergio Leone, epoca dove i bambini hanno già 10 password segrete prima di avere dato un bacio.
URGE ripartire dall’ebrezza delle grandi parole al vento, assaporarne il profumo e farsi coccolare l’anima e l’immaginazione.
Francesco Bottai, raffinato e protoromantico cantautore teatrale ed Andrea Kaemmerle attore ed autore da più di 30 anni, entrambi divertiti ed ammaliati da molte cose comuni, amici e sodali, sono i due pescatori che ogni sera di spettacolo si mettono a pescare nel grande pozzo dell’umanità ricercando la bellezza della parola detta, cantata, sussurrata…

Biglietto unico: 7€

 

 

EVENTO GRATUITO SU PRENOTAZIONE TRAMITE GOOGLE FORM

L'ARTE DEL BUFFONE

Domenica 1 settembre 2024, ore 19.15
Palazzo Thiene, Vicenza

Stivalaccio Teatro
L'ARTE DEL BUFFONE
Parata itinerante

con i/le partecipanti al laboratorio L'arte del Buffone
diretti da Michele Mori e Marco Zoppello

Alle radici del teatro rinascimentale e della Commedia dell’Arte troviamo alcune figure ibride di performers, solisti dell’arte attoriale impiegati nel ruolo di intrattenitori di piazza e di palazzo. Il loro repertorio era vasto e articolato: ballavano, si travestivano da donne, recitavano e cantavano in falsetto, imitavano suoni, rumori, voci di animali, uomini, donne, bambini, stranieri, a ciò affiancavano una gestualità oscena, salti e acrobazie. Ogni partecipante costruirà il proprio oratore, a partire dalle capacità individuali di ciascuno, attitudini al movimento, al canto, alla danza, ai dialetti, al suono di uno strumento. Nel teatro popolare ognuno sfrutta al meglio le proprie qualità, sviscerandole, esplorandole ed esaltandole per farle poi vivere nella scena. Partendo dalla lezione del Maestro Dario Fo, proveremo a perseguire l’idea di un teatro popolare stratificato, sacro e profano, universale e proprio per questo capace di parlare a tutti.

Prossime date

agosto

23ago19:15La Mandragola19:15 Scheda spettacolo

23ago21:15Strighe Maledette!21:15 Palazzo Thiene, Vicenza (VI)Scheda spettacolo

24ago21:15Buffoni all'Inferno21:15 Palazzo Thiene, Vicenza (VI)Scheda spettacolo

BIGLIETTI

Biglietti per Imagine Toi, La più strana delle meraviglie, Strighe Maledette, Buffoni all'inferno, Orchesta multietnica di Arezzo e Radio Clandestina: Intero €  14,  ridotto €  12 
Biglietti per Generazione Disagio, Agnese e Tiziano, Gato Negro, Andromaca e Teatro Guascone: Intero € 12,  ridotto € 10

Spettacoli presso Palazzo da Schio: biglietto unico € 7.
Ingresso libero per tutti gli altri eventi.

Riduzioni riservate a under 30 e over 65.

Riduzione speciale a € 5 per i ragazzi fino ai 16 anni per tutti gli spettacoli.

Abbonamenti: 

  • Abbonamento totale (tutti gli spettacoli): € 110 con shopper del festival in omaggio
  • Abbonamento libero (5 spettacoli a scelta):  € 55

Biglietti acquistabili on-line su vivaticket.it, presso la biglietteria del festival a Palazzo Thiene tutti i giorni dalle 18.00 e nei luoghi di spettacolo da un'ora prima dell'inizio.

Pagamento in contanti, Satispay o Bancomat.

INFORMAZIONI

La restituzione del laboratorio “L’arte del Buffone” sarà itinerante con partenza da Palazzo Thiene.

In caso di maltempo gli spettacoli previsti al cortile Da Schio si svolgeranno presso il (Teatro Ca' Balbi?)

Per informazioni
biglietteria@stivalaccioteatro.it

www.stivalaccioteatro.it

Tel: 0444534321 Cell: 3711984391

IL LUOGHI DEL FESTIVAL
Cortile di Palazzo da Schio - Palazzo Thiene

SEGUICI SUI SOCIAL!

TEATRO E CRITICA LAB

Teatro e Critica LAB, progetto di formazione ideato dalla rivista Teatro e Critica, arriva a Vicenza con un nuovo percorso, durante il festival. Un laboratorio collettivo in cui sviluppare pensieri e scritture elaborando strumenti di lettura dei linguaggi e delle dinamiche produttive del contemporaneo.

Il corso si terrà dal 20 al 31 agosto, dalle ore 14.00 alle 0re 17.30. Il costo d'iscrizione comprende l'accesso gratuito a tutti gli spettacoli del festival.

Docente: Andrea Pocosgnich
Termine iscrizioni 15 luglio

Tutte le informazioni alla pagina dedicata!

In collaborazione con

L'ARTE DEL BUFFONE

Alle radici del teatro rinascimentale e della Commedia dell’Arte troviamo alcune figure ibride di performer, solisti dell’arte attoriale impiegati nel ruolo di intrattenitori di piazza e di palazzo. Il loro repertorio era vasto e articolato: ballavano, si travestivano, recitavano, cantavano in falsetto, imitavano suoni, rumori, voci di animali, uomini, donne, bambini, stranieri, e a ciò affiancavano una gestualità oscena, salti e acrobazie. Il laboratorio si propone di indagare, a partire dall’improvvisazione e dai meccanismi comici, l’arte dell’intrattenitore per antonomasia: il buffone.

Docenti: Michele Mori e Marzo Zoppello

Iscrizioni chiuse

Le restituzioni del laboratorio saranno il 25 agosto e l'1 settembre!

LA FEROCIA DEI POCHI ATTIMI

una mostra personale di Renzo Francabandera

Palazzo Thiene - Vicenza

dal 20 agosto 2024 al 31 agosto 2024
Orario: dalle ore 10.00 alle ore 21.00

 

Durante il festival, sarà possibile ammirare le opere di Francabandera e immergersi nel suo racconto del teatro, tra riflessioni critiche scritte e disegnate.

Un nucleo delle opere esposte si riferisce in particolare all’attività di Stivalaccio Teatro, ripercorrendo il rapporto dell’umano con la maschera, con  la finzione e con lo svelamento di se stessi.

In collaborazione con

Un progetto di

 

Sponsor ufficiale

Con il contributo e il patrocinio di

 

Con la collaborazione di

 

 

Iniziativa realizzata in collaborazione con il Comune di Vicenza e l'Assessorato alla Cultura.